Enciclopedia giuridica

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z




Calcolo



errore di calcolo: il semplice calcolo calcolo (art. 1430 c.c.) non rende annullabile il contratto, ma dà luogo a rettifica (compero tot quintali per tot lire al quintale e mi obbligo a pagare, complessivamente, tot x tot: se la moltiplicazione è sbagliata, ci si limita a rettificare il prodotto), a meno che non si traduca in errore sulla quantità (intendevo comperare tot quintali, il cui prezzo complessivo fa tot; ma il contratto che reca il prezzo complessivo di tot, contiene un calcolo calcolo: rettificato l’errore, dovrei ricevere una quantità minore di quella voluta). Ricorre la prima ipotesi, secondo la Cassazione, quando, posti per fermi i dati da computare ed il criterio matematico da seguire, si incorra in una svista materiale nelle relative operazioni aritmetiche, rilevabile prima facie in base ai dati ed al criterio predetto, ed emendabile con la semplice ripetizione del calcolo, e non è , invece, configurabile quando si contestino gli stessi dati numerici posti in base del calcolo.


Caducazione      |      Call


.