Enciclopedia giuridica

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z




Cessione di territori



cessione di territori in affitto: cessione di un territorio di uno Stato ad un altro Stato con il diritto di amministrarlo, generalmente per la durata di 99 anni, che ha come controprestazione il pagamento di un canone di affitto. Allo Stato cedente rimane lo ius nudum, al cessionario l’exercitium iuris. Esempi numerosi di questo tipo di cessione si sono registrati in Cina all’inizio di questo secolo. Si tratta di una formula escogitata dall’ammiraglio Tirpitz, che aveva predisposto il Trattato di Pechino del 6 marzo 1898. Con tale trattato la Cina cedeva in affitto per 99 anni le rive di ingresso del Golfo di Kiuau Ciau alla Germania, cercando in tal modo di far risultare meno disonorevole la resa. Numerose aree nelle città cinesi vennero date in affitto a Stati europei per costituire i c.d. Settlements. In tali territori i cittadini europei poterono esercitare sotto l’autorità consolare o diplomatica nazionale i propri commerci in maniera proficua. V. anche territorio.

cessione di territori in amministrazione: si tratta di cessioni qualificate per l’esistenza di un obbligo di restituire il territorio dopo un certo periodo di tempo o per obblighi particolari che non sussistono nei casi ordinari di cessione. Casi pratici si sono avuti nel 1878 quando, con il Trattato di Berlino (art. 25) la Bosnia e l’Erzegovina furono date, senza limiti di tempo, in amministrazione all’Impero austrocessione di territoriungarico da parte della Turchia; sempre nello stesso anno, quando con le Convenzioni del 4 giugno e del 1o luglio, l’amministrazione di Cipro passò all’Inghilterra.


Cessione del credito      |      Charter party


.