Enciclopedia giuridica

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z




Committente

Termine che identifica sia colui che acquista il diritto alla altrui esecuzione di un’opera e di un servizio stipulando un contratto di appalto (v.), sia colui che incarica altri di comprare o vendere beni concludendo un contratto di commissione. Il primo è obbligato a versare il corrispettivo dell’appalto in seguito ad esito positivo del collaudo (v.); se l’opera realizzata dall’appaltatore è difforme dal progetto convenuto o presenti specifici vizi, il committente ha sessanta giorni dalla scoperta, se si tratta di beni mobili, oppure un anno se si tratta di beni immobili, per denunciare difformità e vizi ed invocare la garanzia dell’appaltatore; egli ha, inoltre, due anni per esercitare la relativa azione (art. 1667 c.c.) decorrenti dalla consegna dell’opera: può chiedere che le une e gli altri siano eliminati a spese dell’appaltatore o che sia proporzionalmente ridotto il corrispettivo, salvo il risarcimento del danno in caso di colpa dell’appaltatore (art. 1668, comma 1o, c.c.). Il secondo ha gli stessi diritti ed obblighi del mandante nei confronti del mandatario (v. commissione).


Commistione      |      Commixtio sanguinis


.