Enciclopedia giuridica

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z




Confine



confine comunale: il confine confine delimita l’ambito spaziale entro cui l’ente può esercitare il suo potere. Le competenze in merito alle modificazioni delle circoscrizioni comunali sono attribuite alle regioni, le quali a tal fine devono però sentire le popolazioni interessate (v. comuni, istituzioni e modificazioni territoriali dei confine). Il comune conserva comunque il diritto a promuovere determinazioni e rettifiche di confini con i comuni contermini, nonche´ di rivendicare il territorio che si presuma usurpato da altri comuni. L’ipotesi relativa alla determinazione del confine che dia luogo ad incertezze in base a dati obiettivi, si concreta in un provvedimento, di carattere meramente dichiarativo del presidente della regione. Di carattere costitutivo è invece il provvedimento con il quale la regione rettifica, sentite le popolazioni interessate, il confine tra comuni, per ragioni topografiche o per esigenze locali. Del medesimo ente è anche il potere relativo alla risoluzione delle contestazioni di confine tra comuni, eccetto il caso in cui i comuni appartengano a regioni diverse. In tale ipotesi infatti, la decisione dei ricorsi per contestazione di confini spetta allo Stato, salva, tuttavia, l’acquisizione delle deduzioni delle regioni interessate.

fiumi di confine: qualora un fiume costituisca il confine, occorre distinguere se esso sia navigabile o meno. In caso affermativo la linea di demarcazione passa, con consenso unanime delle parti, nel mezzo del letto del fiume o del ramo principale con assimilazione anche delle eventuali isole, che apparterranno proporzionalmente ai due Stati ripuari. Qualora invece il fiume non sia navigabile si tiene conto della linea che passa in mezzo al canale corrispondente al punto di maggiore depressione (Midchannel). La prassi registra una tendenza a utilizzare, sin dagli inizi del secolo XIX, la linea che passa nel mezzo del fiume anche per i fiumi navigabili. Nell’ipotesi in cui un fiume scorra attraverso il territorio di due Stati, esso evidentemente non segna il confine, che sarà costituito invece dalla linea che congiunge i punti di confine delle opposte rive. Lo spostamento del letto del fiume può creare problemi per la individuazione dei confini. La dottrina recente distingue due ipotesi; quella in cui il fiume cambi completamente corso e quella in cui non si abbia un totale mutamento di letto e che, soprattutto, avvenga in maniera graduale. Nel primo caso, si afferma, che si dovrebbe aver riguardo alle linee di confine preesistenti; nel secondo, si afferma che i confini seguono le vicende del fiume.

confine fra Stati: vengono distinti in confini convenzionali e non convenzionali, in naturali ed artificiali. Quanto ai confini non convenzionali vale il criterio della effettività integrato da altri criteri di regolamento. Quanto ai confini convenzionali essi raramente risultano esattamente e nettamente determinati nel testo delle convenzioni. Tali convenzioni, dette di confine, non vanno confuse con le sfere di influenza le quali hanno il compito di determinare non i limiti della sovranità territoriale, ma i limiti delle attività dirette all’occupazione dei territori nullius. I confini vengono generalmente individuati mediante linee, più raramente da zone. Si distingue tra confini naturali (che corrispondono alle caratteristiche della natura, ad esempio mari, fiumi, montagne) e artificiali (la cui individuazione è il risultato di segni fissati dall’uomo; segni che possono consistere anche nella creazione artificiale di qualcosa di naturale come ad esempio un bosco). Per determinazione dei confini artificiali, si possono utilizzare barriere, strade, canali o muraglie; mentre per la determinazione di quelli naturali, alcuni autori sostengono l’esistenza di vere e proprie consuetudini internazionali che permetterebbero di integrare le previsioni convenzionali. Per le catene di montagne i criteri seguiti nella prassi sono due, e cioè quello della linea c.d. dello spartiacque e quello più antico, e tuttora seguito da molte convenzioni, della linea che congiunge le massime altezze.


Confinante      |      Confini


.