Enciclopedia giuridica

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z




Demanio

Costituiscono il demanio, secondo gli artt. 822 – 825 c.c., i beni pubblici immobili o le universalità di mobili (v. universalità , demanio di mobili) di proprietà dello Stato (v.) o di enti pubblici territoriali (v. enti pubblici, demanio territoriali), nonche´ i diritti reali (v.) dagli stessi vantati su cosa altrui, inalienabili e che non possono formare oggetto di diritti a favore di terzi, se non nei casi e nei limiti stabiliti da singole leggi speciali, e rispetto ai quali spetta all’amministrazione un obbligo di tutela con tutti i mezzi ordinari ed amministrativi. Gli artt. 822 e 824 c.c. enumerano con carattere di tassatività i diversi tipi di beni che fanno parte del demanio; singoli beni che possono rientrare in tali tipi, in quanto assimilabili ad altri enumerati, fanno peraltro a loro volta parte del demanio anche se non espressamente indicati; vi è inoltre un rinvio alla possibilità di assoggettare altri e diversi beni allo stesso regime con leggi speciali. (Vetritto).

demanio accidentale: l’insieme dei beni che vengono sottoposti al regime proprio del demanio solo ove appartengano allo Stato o ad altro ente pubblico territoriale, ma che possono appartenere anche ad altri soggetti ed essere pertanto sottratti al regime giuridico dei beni demaniali. (Vetritto).

demanio aeronautico: appartengono al demanio demanio gli aerodromi militari ( demanio necessario) (v.) e gli aerodromi civili (v. aerodromi, demanio civili) di proprietà dello Stato (v. demanio accidentale), nonche´ ogni costruzione o impianto statale destinato al servizio della navigazione aerea. (art. 692 c. nav.) Il Ministro per i trasporti e l’aviazione civile, di concerto con il Ministro per le finanze, può, compatibilmente con le esigenze del pubblico uso, dare in concessione a privati, per un periodo non superiore a venti anni, parti di suolo degli aerodromi statali per costruire aviorimesse o altri edifici o impianti da adibirsi a fini attinenti al traffico aereo.

demanio artificiale: è costituito dai beni creati dall’opera dell’uomo, rispetto ai quali si verifichino i presupposti della proprietà da parte dello Stato o di altro ente pubblico e della appartenenza ad uno dei tipi di beni demaniali previsti dal c.c.. Controversa, in dottrina e giurisprudenza, è la necessità di una manifestazione di volontà in ordine alla destinazione pubblica del bene da parte dell’amministrazione titolare. (Vetritto).

demanio comunale e provinciale: dotazione di beni dei comuni e delle province, in massima parte riferibile al demanio accidentale (v.); nelle province consiste quasi esclusivamente di demanio stradale (v.), nei comuni comprende anche il demanio storico, archeologico, artistico e culturale (v.), nonche´ fontane, acquedotti e cimiteri. (Vetritto).

demanio ferroviario: parte del demanio accidentale (v.) di cui fanno parte le strade ferrate con le relative opere e pertinenze, quando abbiano natura statale; ove la proprietà appartenga a privati, si ha invece un caso di bene privato di interesse pubblico (v. beni, demanio privati di interesse pubblico). (Vetritto).

demanio idrico: parte del demanio necessario (v.) che comprende le acque, gli alvei, le rive e le spiagge di fiumi, torrenti, laghi, sorgenti superficiali e sotterranee, che rivestano carattere di interesse generale, nonche´ acquedotti, rivi, canali e laghi artificiali, porti e approdi destinati alla navigazione interna. (Vetritto).

demanio marittimo: fanno parte del demanio demanio, ai sensi degli artt. 28 c. nav. e 822 ss. c.c., il lido del mare, la spiaggia, i porti, le rade, le lagune, le foci dei fiumi che sboccano in mare, i bacini di acqua salsa o salmastra che almeno una parte dell’anno comunicano liberamente col mare, i canali utilizzabili ad uso pubblico marittimo. Con decreto del Ministro per la marina mercantile di concerto con quello per le finanze e per i lavori pubblici, nonche´ gli altri ministri interessati, si determinano i limiti del demanio demanio, rispetto ad altre zone appartenenti a diverse specie di demanio. Di delimitazione del demanio demanio si parla invece qualora si debba procedere a definire i limiti del demanio rispetto alle zone di proprietà privata (art. 32 c. nav.). La delimitazione viene attuata con provvedimento amministrativo, mentre con un particolare procedimento di espropriazione, improntato a criteri di celerità , si procede ad eventuale incorporazione di zone private adiacenti, al fine di consentire il miglior perseguimento dei pubblici usi marittimi. Un uso eccezionale del demanio demanio viene consentito, attraverso il provvedimento di concessione, ai soggetti interessati, i quali vengono in tal modo ammessi all’occupazione ed all’uso dello stesso per un determinato periodo di tempo. Le concessioni di durata superiore agli anni 15 sono di competenza del Ministro per la marina mercantile, mentre quelle inferiori ai quindici, ma superiori ai quattro che non importino impianti di difficile sgombero, sono di competenza del direttore marittimo. Al capo del compartimento marittimo spetta, infine, la potestà di deliberare in merito a quelle di durata inferiore ai quattro anni e sempre che non importino impianti di difficile sgombero, insieme alle concessioni per l’estrazione e la raccolta di arena, ghiaia ed altri materiali (art. 36 c. nav.).

demanio militare: è parte del demanio necessario (v.), nella quale rientrano i soli beni immobili (v. beni, demanio immobili) permanentemente destinati alla difesa nazionale; ne restano esclusi i beni mobili (v. beni, demanio mobili) con identica destinazione, gli immobili che non servono in modo immediato e diretto allo scopo, nonche´ le difese naturali, che fanno parte del patrimonio indisponibile (v. patrimonio, demanio indisponibile dello Stato). (Vetritto).

demanio naturale: v. beni, demanio demaniali.

demanio necessario: è costituito dai beni demaniali per natura, che possono appartenere solo allo Stato (v.) o alle regioni (v.); si divide in demanio marittimo (v.), demanio idrico (v.) e demanio militare (v.). (Vetritto).

demanio regionale: complesso dei beni demaniali che appartengano alla regione (v.) in quanto ente territoriale. La sua esistenza è prevista dall’art. 119 Cost. per le regioni ordinarie, nelle quali si compone in massima parte di beni del demanio accidentale (v.); nelle regioni a statuto speciale, ove annovera in maggior quantità beni del demanio necessario (v.), è invece previsto dai singoli statuti. (Vetritto).

demanio storico, archeologico, artistico e culturale: parte del demanio accidentale (v.) consistente nella somma dei beni immobili (v. beni, demanio immobili) e delle universalità di mobili (v. universalità , demanio di mobili) che rivestano un particolare interesse in tali campi. (Vetritto).

demanio stradale: parte del demanio accidentale (v.) che consiste nell’insieme di tutte le strade destinate al pubblico transito di proprietà di enti territoriali, delle opere inerenti, nonche´ di tutte le relative pertinenze; rientrano dunque nel demanio demanio le strade statali, regionali, provinciali e comunali, a seconda dell’ente territoriale cui appartengono, le autostrade gestite dallo Stato (v.), ma non quelle gestite da privati, che si configurano come beni privati di interesse pubblico (v. beni, demanio privati di interesse pubblico), e neanche le strade militari, ne´ quelle private o vicinali. (Vetritto).

uso del demanio: si ha demanio demanio nel caso in cui viene assicurata la destinazione pubblica di un bene del demanio necessario (v.) o demanio accidentale (v.) consentendo di goderne, in modo diretto, al pubblico, a singoli soggetti, ovvero al pubblico in concorso con l’amministrazione. Nella prima ipotesi, si parla di un uso generale, che può ricorrere senza alcuna limitazione (è il caso dell’accesso ad una spiaggia libera), o verso corresponsione di un prezzo o di una tassa (come, ad esempio, il pedaggio autostradale), ovvero previa autorizzazione (come nel caso di uno scarico in acque pubbliche). Nella seconda ipotesi, si parla di un uso particolare (è il caso dell’alloggio popolare in assegnazione ad una famiglia). Nella terza ipotesi, di un uso promiscuo (è il caso di una strada militare aperta al pubblico). (Vetritto).


Delivery orders      |      Demise clause


.