Enciclopedia giuridica

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z




Guardia di finanza

Corpo militare delle forze armate alle dipendenze del Ministro delle finanze. Ha compiti militari di polizia giudiziaria e di sicurezza e di polizia tributaria. In campo fiscale ha funzioni di polizia tributaria concorrendo con gli uffici dell’amministrazione alle attività di indagine, accesso, visione e controllo dei contribuenti. La suddivisione dei servizi è fra quelli eseguiti d’iniziativa e fra quelli a richiesta degli uffici finanziari, ai quali spetta l’accertamento dei singoli tributi. Il Corpo è articolato capillarmente sul territorio con un comando generale e vari comandi territoriali e locali (zone, legioni, nuclei, gruppi, compagnie, tenenze, brigate e delegazioni); la Guardia di finanza è dotata anche di una componente aeronavale. A seguito della riforma tributaria i poteri e le attribuzioni della Guardia di finanza risultano efficacemente delineate ed armonizzate nelle singole leggi d’imposta. Conseguentemente, nell’esercizio dei propri compiti istituzionali, l’attività del Corpo risponde sostanzialmente a tre ordini di funzioni: intervento diretto presso esercenti imprese, arti o professioni, al fine di eseguire, congiuntamente o separatamente, verifiche a tutela di uno o più tributi; acquisizione di dati ed elementi la cui raccolta non presuppone una limitazione, ancorche´ contenuta nel tempo, della disponibilità documentale nell’ambito dell’azienda o dello studio professionale od artistico, ovvero della libertà domiciliare o personale; controllo immediato dell’assolvimento di obblighi fiscali al di fuori di sedi aziendali o studi professionali od artistici. Nell’esplicazione dell’attività operativa del Corpo agli ufficiali della Guardia di finanza sono conferiti tutti i poteri e diritti d’indagine, accesso, visione, controllo, richiesta di informazioni che spettano per legge ai diversi uffici finanziari incaricati dell’applicazione dei tributi diretti e indiretti. Le stesse facoltà sono attribuite ai sottufficiali e militari di truppa incaricati del servizio di polizia tributaria. La guardia di finanza dipende direttamente e a tutti gli effetti dal Ministro delle finanze. Il comandante generale è scelto tra i generali di corpo d’armata dell’esercito (v.) in servizio permanente effettivo e nominato con d.p.r., previa deliberazione del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro delle finanze, di concerto con quello della difesa. Dal punto di vista dell’organizzazione territoriale la guardia di finanza è costituita da un comando generale con funzioni ispettive e di consulenza e da sei ispettorati generali. La struttura operativa comprende i comandi di zona da cui dipendono le legioni e un nucleo regionale di polizia tributaria. La legione si articola in gruppi, in un nucleo di polizia tributaria, in una stazione navale e una area e in reparti minori quali le compagnie, le tenenze, le sezioni operative, le brigate ed i distaccamenti. Dal Comando generale dipendono anche organi addestrativi e logisticoguardia di finanzaamministrativi. Il personale si divide in ufficiali, sottufficiali e finanzieri.


Guardasigilli      |      Guardie giurate


.