Enciclopedia giuridica

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z




Libera pratica



prodotti in libera pratica: a partire dal 1o luglio 1968, data in cui è stata completata l’unione doganale, sia i prodotti originari della Comunità sia i prodotti dei Paesi terzi che si trovano nell’area comunitaria in libera pratica, in quanto sono già state adempiute le formalità di importazione e saldati i diritti doganali a loro riguardo, devono circolare liberamente in tale ambito. La disciplina comunitaria prevede in proposito un triplice regime: il traffico comunitario, il transito comunitario, il traffico di perfezionamento. In regime di traffico comunitario, le merci originarie provenienti da uno Stato membro e quelle ammesse in libera pratica, sono esenti da dazi doganali, da restrizioni quantitative e da misure di effetto equivalente. In regime di transito comunitario, le merci che arrivano nel territorio doganale della Comunità possono essere trasportate dal luogo di introduzione fino a quello di destinazione, senza il rinnovo delle formalità doganali durante il passaggi delle frontiere intracomunitarie. In regime di traffico di perfezionamento, infine, le merci introdotte in uno Stato membro per essere qui rielaborate o trasformate in attesa di una successiva esportazione verso Stati terzi, non possono essere sottoposte al pagamento di particolari dazi doganali o di misure di effetto equivalente.


Libera concorrenza      |      Liberalità


.