Enciclopedia giuridica

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z




Libero scambio

Condizione in sui si volge il commercio internazionale quando non siano frapposte barriere economiche e politiche allo scambio di beni e servizi. In tale sistema, disciplinato da accordi internazionali, il mercato internazionale è sottoposto al libero gioco delle forze economiche senza che lo Stato ponga dei limiti agli scambi. L’adozione di tale sistema comporta una maggiore specializzazione tecnica ed una divisione internazionale del lavoro su base di efficienza economica, con una conseguente diminuzione dei costi. V. anche Accordo generale sulle tariffe ed il commercio (Gatt).

accordo di libero scambio: per favorire il libero scambio internazionale, nel dopoguerra sono state costituite varie organizzazioni, in virtù di accordi multilaterali che disciplinano gli scambi in settori interessati. Si pensi al Fondo monetario internazionale (Imf), o al Gatt. Talvolta, tali accordi sono caratterizzati dalla territorialità su cui operano, ovvero dagli ambiti territoriali su cui incidono. Contengono in genere la clausola della nazione più favorita che assicura assenza di discriminazione fra gli Stati firmatari. A tal riguardo, l’accordo Gatt (art. 1) prevede che ogni parte contraente si impegna a estendere immediatamente e incondizionatamente, ai prodotti originari di tutte le altri parti contraenti, o a esse destinati, tutti i vantaggi, favori e privilegi, e immunità accordati a prodotti analoghi originari di qualunque altro paese o ad esso destinato. In questo caso, si tratta di clausola specializzata in quanto sono specificati i settori di applicazione.

zona di libero scambio: definita dall’art. XXIV, comma 8o, lett. b dell’Accordo Gatt come insieme di due o più territori confinanti entro i quali i diritti di dogana e le altre regolamentazioni commerciali restrittive sono eliminate per gli scambi commerciali effettuati sui prodotti originari dai territori che costituiscono la zona. Il commercio interno alla libero scambio libero scambio è pertanto libero, mentre gli Stati partecipanti mantengono la loro individualità doganale verso l’esterno, nei confronti degli Stati terzi. Esempi di libero scambio libero scambio sono costituiti dall’Efta (European Free Trade Association) o dalla più recente Nafta (North American Free Trade Association). V. anche Associazione, libero scambio europea di libero scambio.


Libere professioni      |      Libertà


.