Enciclopedia giuridica

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z




Pareri



pareri comunitari: atti non vincolanti di cui agli artt. 189 del Trattato Cee, 161 Euratom e 14 Trattato Ceca, che possono essere adottati dal Consiglio, dalla Commissione ed anche dal Parlamento europeo e possono avere come destinatari gli Stati membri, oppure le altre istituzioni comunitarie od ancora i soggetti di diritto interno degli Stati membri. Essi non sono sottoposti ad alcuna forma particolare, salvo che i Trattati non ne prevedano la motivazione. In quest’ultima ipotesi, la mancanza di motivazione implica, secondo la Corte di giustizia, l’inesistenza dell’atto. Molto si discute sulla loro differenza dalle raccomandazioni (v.) che costituiscono nei sistemi Cee ed Euratom la seconda categoria di atti non vincolanti. In effetti, data l’identità degli effetti tra dette categorie di atti, anche ai fini delle impugnazioni (entrambi non sono impugnabili innanzi alla Corte di giustizia della Comunità europea) sembra irrilevante procedere ad una loro differenziazione dogmatica. In ogni caso appare più fondata, tra le varie distinzioni proposte, quella basata sulla finalità che l’atto intende perseguire. In altri termini, in linea di massima, il parere tende a fissare ed a rendere noto un punto di vista dell’istituzione che lo emette in ordine ad una determinata questione.

pareri nel diritto internazionale: atti non vincolanti emanati dagli organismi internazionali, i quali non sono sottoposti ad alcuna forma specifica e possono essere indirizzati sia agli Stati che ad altri organi o soggetti internazionali. Espressione della funzione consultiva della Corte internazionale di Giustizia (Cig). La facoltà della Cig di emettere dei pareri non vincolanti, su qualsiasi questione giuridica, è prevista dagli artt. 65 ss. del suo Statuto e dall’art. 96 della Carta delle N.U.. All’interno delle N.U. i pareri possono essere richiesti dall’AG, dal CdS ovvero da altri organi ma con l’autorizzazione dell’Assemblea. I pareri della Cig, non vincolanti a termine della Carta delle N.U., possono acquistare forza vincolante se, con una convenzione o con un altro atto vincolante, i soggetti giuridici internazionali si impegnano a rispettarli. In questi casi si tratta di veri e propri impegni arbitrali. V. anche Corte internazionale di giustizia.


Parere conforme      |      Parità di trattamento


.