Enciclopedia giuridica

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z




Partecipazione



partecipazione al reato: nei reati associativi (v. reato, partecipazione plurisoggettivo) consiste nella assunzione di un ruolo all’interno dell’associazione criminale: in tali reati il solo fatto della partecipazione integra la fattispecie criminosa (v. associazione, partecipazione per delinquere; banda armata; concorso, partecipazione eventuale di persone nel reato; concorso, partecipazione necessario di persone nel reato).

partecipazione dei comuni all’accertamento tributario: v. accertamento tributario, partecipazione dei comuni all’partecipazione.

partecipazione dei lavoratori: la contrattazione collettiva (v.), intesa quale fattore di procedimentalizzazione del potere organizzativo d’impresa, costituisce il più praticato modello di partecipazione dei soggetti destinatari del potere stesso, esprimendo l’istanza di condizionarlo e finalizzarlo al raggiungimento di obiettivi consensualmente predeterminati; si tratta, però , di una partecipazione sindacale esercitata dall’esterno degli organi deputati a prendere decisioni, e che viene di norma conseguita attraverso fasi di conflitto e con l’uso degli strumenti di autotutela collettiva. Un altro modello di partecipazione, non necessariamente sostitutivo del primo, prevede viceversa una presenza istituzionalizzata del sindacato (o, in genere, di rappresentanze dei lavoratori), tale da far giocare all’attore collettivo il ruolo di vero e proprio cogestore (tipico, in questo senso, è il sistema tedesco, caratterizzato dall’istituzione di forme partecipative di democrazia industriale (v. democrazia, partecipazione industriale) diverse dalla contrattazione, realizzate per intervento legislativo). Nella pratica tra i due modelli possono stabilirsi legami di continuità che danno luogo a stadi intermedi, quali, ad es., la c.d. consultazione mista, che prevede la costituzione di organi comuni a composizione paritetica con funzioni distinte sia da quelle propriamente contrattuali sia da quelle decisionali e gestionali. Nel nostro sistema di relazioni industriali, caratterizzato dallo scarso favore per ipotesi di partecipazione gestionale istituzionalizzata, proprio tale forma di partecipazione ha conosciuto, in tempi recenti una discreta diffusione tramite una serie di protocolli d’intesa (v.). Nella disciplina dei rapporti di lavoro nelle amministrazioni pubbliche (v.) è prevista una forma di partecipazione sindacale: le amministrazioni pubbliche informano le rappresentanze sindacali sulla qualità dell’ambiente di lavoro e sulle misure inerenti alla gestione dei rapporti di lavoro e, su loro richiesta, le incontrano per l’esame di dette materie, ferme restando l’autonoma determinazione definitiva e la responsabilità del dirigente nelle stesse materie (art. 10 d.leg. 3 febbraio 1993, n. 29); v. anche contrattazione collettiva nel pubblico impiego.


Parte civile      |      Partecipazioni


.