Enciclopedia giuridica

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z




Pregiudiziale tributaria

Istituto già previsto dall’art. 21, comma 3o, della l. n. 4 del 1929, in base al quale l’azione penale per i reati previsti in materia di imposte dirette, il cui accertamento richiedeva la quantificazione dell’evasione attraverso l’applicazione di norma tributarie, non poteva avere corso finche´ non fosse definito il giudizio tributario. L’istituto della pregiudiziale tributaria si poneva in contrasto con gli artt. 3 e 24 della Costituzione, in quanto il giudice penale veniva ad essere vincolato non solo da un accertamento definitivo contenuto nel giudicato tributario, ma potenzialmente anche da un accertamento operato dagli uffici finanziari e divenuto definitivo a seguito della mancata impugnazione del contribuente. In altri termini, la pregiudiziale tributaria si traduceva nella concreta possibilità che fosse l’ufficio finanziario a decidere dell’esistenza del reato; questi motivi hanno dunque condotto alla sua abrogazione pregiudiziale tributaria con decorrenza dal primo gennaio 1983 – da parte dell’art. 13 del d.l. n. 429 del 10 luglio 1982 (poi convertito nella l. n. 516 del 1982).


Prefetto      |      Pregiudizialità nel processo civile


.