Enciclopedia giuridica

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z




Valore normale



valore normale in diritto tributario: il concetto di valore normale, utilizzato nella normativa fiscale ai fini della determinazione della base imponibile, è tratto dalla scienza delle finanze e rinvia ad una valutazione tipicamente di ordine economico, con la quale si prescinde dal dato effettivo, dal corrispettivo che le parti abbiano eventualmente pattuito, per dare rilievo ad un giudizio astratto. L’espressione valore normale infatti indica non tanto un valore preciso, quanto un metodo cui si deve far ricorso in sede di determinazione della base imponibile, il cui risultato concreto dipende ovviamente dalle particolarità del singolo caso. Quanto al contenuto di tale concetto esiste una norma specifica al proposito sia in materia di imposte dirette che di Iva, la quale prevede che per valore normale si intenda il prezzo o corrispettivo mediamente praticato per i beni o servizi della stesse specie o similari, in condizioni di libera concorrenza ed al medesimo stadio di commercializzazione, nel tempo e nel luogo in cui i beni o servizi sono stati acquistati o prestati o, in mancanza, nel tempo e nel luogo più prossimi. Per la determinazione concreta del valore normale occorre fare riferimento, in quanto possibile, ai listini o alle tariffe del soggetto che ha fornito i beni o servizi e, in mancanza, alle mercuriali e ai listini delle camere di commercio e alle tariffe professionali, tenendo conto degli sconti d’uso. Per i beni e i servizi soggetti a disciplina dei prezzi si fa riferimento ai provvedimenti in vigore. Con tale norma si è inteso evidentemente individuare alcuni parametri del valore normale in modo da favorirne la determinazione, tenendo al tempo stesso presente l’esigenza di una certa elasticità .


Valore      |      Valori


.